Scopri i requisiti necessari per sposarsi legalmente in Spagna.

SPOSARSI LEGALMENTE A FUERTEVENTURA

Se entrambi i contraenti sono di nazionalità diversa da quella spagnola e non residenti qui (per esempio entrambi italiani non “empadronados” ne’ iscritti Aire) la legislazione non permette il matrimonio civile in Spagna.

In questo caso esiste solo la possibilita’ di un MATRIMONIO SENZA VALIDITÀ’ LEGALE, ovvero una cerimonia simbolica.

Premetto che la procedura che descrivo di seguito è valida per chi è iscritto all’AIRE (VEDI APPOSITO POST).

La scelta di sposarsi è davvero importante, indipendentemente da dove si scelga di farlo. Decidere di convolare a nozze in un paese straniero, dopo esservisi trasferiti da poco, richiede maggiori riflessioni; per questo mi permetto di ricordare il capitolo del mio libro C.V.: Metodo per Cambiare Vita in modo intelligente nel quale spiego come un trasferimento possa allontanare ed indebolire una coppia molto più di quanto non si immagini.

Ho visto più coppie separarsi di quante ne abbia viste continuare a stare insieme dopo un cambio di vita.

 

SOLO SE SIETE PROPRIO SICURI…

Mio marito ed io abbiamo superato insieme l’incerta fase iniziale della nostra nuova vita, le piccole e grandi difficoltà di adattamento, le paurose sensazioni d’insicurezza e i ragionevoli dubbi che il nostro trasferimento ha portato con sé.

Tutto questo pensare, studiare, meditare, rischiare e superare prove ci ha uniti molto più di quanto potessimo augurarci.

Spontaneo è sorto in entrambi il desiderio di sposarci qui; ma come farlo?

NON E’ POI COSI’ DIFFICILE! 

Gli iscritti AIRE dipendono amministrativamente dagli Uffici Consolari Esteri. Nel nostro caso facciamo riferimento al Consolato Italiano di Madrid.

Sul sito ufficiale del Ministero degli Esteri:

http://www.esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo/serviziconsolari/statocivile/matrimonio.html

esiste una esaustiva spiegazione sulle incombenze da svolgere a seconda delle differenti situazioni.

Nel nostro caso è stata di grande aiuto una funzionaria del Consolato, che per telefono mi ha spiegato ciò che serviva.

Abbiamo dovuto inviare al Consolato l’apposito modulo di richiesta, corredato dei nostri “estratti di nascita” e “Certificato di Capacità Matrimoniale” ai sensi della Convenzione di Monaco del 5 settembre 1980. Quest’ultimo certificato è esente da legalizzazione e traduzione e ci è stato rilasciato dai nostri rispettivi Comuni in Italia (in via epistolare).

Contemporaneamente abbiamo effettuato un bonifico su un conto corrente intestato al Consolato di circa 22 euro.

Due settimane dopo abbiamo ricevuto il documento che “Attestazione di assenza di impedimenti a contrarre matrimonio”, che abbiamo presentato al Juzgado de Paz (giudice di pace) insieme alle fotocopie dei passaporti.

Circa un mese dopo ci è arrivato il nulla osta e abbiamo deciso la data della cerimonia ufficiale, celebrata nello stesso Juzgado de Paz.

 

SEPARAZIONE DEI BENI? SERVE IL NOTAIO!

Se si opta per la separazione dei beni è necessario sottoscrivere un atto notarile: basta recarsi dal notaio, richiedere la Capitulaciones Matrimoniales e stabilire il regime economico del matrimonio. Il costo di questo atto non supera i 100 euro.

Una volta ottenuto il documento notarile, lo stesso va presentato al Juzgado de Paz, che lo registra e lo annota sul Libro de Familia.

Il Libro de Familia è un documento gratuito e obbligatorio, normato dal Ministerio de Justicia, per stabilire i diritti e doveri dei coniugi.

Viene rilasciato dal Registro Civil ed è una sorta di quadernetto nero, dove si annotano le variazioni del nucleo familiare, per esempio eventuali figli, separazioni o divorzi.

Nel nostro caso ci è stato rilasciato direttamente dal Juzgado de Paz appena terminato il matrimonio.

 

CERIMONIA PAGANA IN SPIAGGIA

La cerimonia ufficiale è stata un po’ fredda e triste, come certi matrimoni in Comune in Italia.

In compenso i nostri amici ci hanno organizzato un matrimonio da favola in spiaggia, semplice e autentico. Proprio come lo abbiamo sempre desiderato.

Racconto interamente questa giornata così speciale e emozionante nel mio prossimo libro “VIVERE IN CIABATTE”, in uscita questo autunno!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *