Reagire agli eventi fa la differenza.

Ogni giorno assistiamo o siamo protagonisti di eventi che ci sorprendono, cambiano i nostri piani o ci spiazzano.

Alcuni accadimenti, del tutto inaspettati, ci costringono a modificare repentinamente molti aspetti della nostra esistenza.

La nostra reazione è la discriminante.

Ciò che nell’immediato consideriamo un fatto grave, duro da accettare o difficile da perdonare, nasconde necessariamente conseguenze positive, inimmaginabili a priori.

I cambiamenti inaspettati aprono scenari imprevedibili: come li affrontiamo fa davvero la differenza.

Spesso ciò che “a botta calda” sembra impossibile da superare, nel futuro si rivela un’insperata botta di fortuna, perché ci obbliga a uscire da una situazione di stallo, di immobilismo, della quale non eravamo soddisfatti, ma che non avevamo il coraggio di cambiare.

Sono davvero riconoscente a chi in passato mi ha boicottato nel lavoro, o chi ha tradito la mia fiducia: mi hanno costretto a cercare alternative e a trovare nuovi mondi, ai quali da sola non sarei stata capace di arrivare.

Perché perdere tempo?

Non voglio impiegare mesi o anni recriminando, rimuginando o mugugnando da brava genovese su eventi già accaduti.

Imparare a reagire da subito a un mio errore, o a ciò che indipendentemente dalla mia volontà mi ha buttato a terra, è una soddisfazione enorme, alla quale non voglio rinunciare.

Resilienza: questa parola, così di moda ora da essere quasi inflazionata, è per me un’arte da imparare e allenare ogni giorno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *