Quando avevo un impiego ben pagato, difficilmente mi si chiedeva se fossi felice: il mio benessere emotivo si dava per scontato.

Persino io evitavo di pormi questa domanda, insieme a molte altre che avrebbero risvegliato le parti del mio cervello più atrofizzate, spingendomi fuori dagli schemi nei quali ero abituata a sguazzare.

IL CORAGGIO DI FARSI DOMANDE GIUSTE SCONVOLGE LA VITA

Un bel giorno ho iniziato a chiedermi se quella che stavo vivendo era l’unica vita possibile, e da quel momento tutto è cambiato.

Quando finalmente ho tolto la fetta di prosciutto dai miei occhi, ho capito che sono io la responsabile delle mie scelte.  

Questo semplice concetto mi ha sconvolto la vita, impedendomi di dare la colpa agli altri come avevo fatto fino ad allora, ma soprattutto spingendomi a trovare un modo per scegliere il mio nuovo percorso.

CAPIRE COSA VOGLIO, E NON SOLO COSA NON VOGLIO

Una volta assimilato il concetto che sono io che decido, è necessario capire cosa realmente voglio. E non ho detto “cosa non voglio”. La faccenda si complica perché spontaneamente penso a cosa non voglio, ma piano piano il mio cervello impara a focalizzarsi sulle mie reali necessità, su cosa è veramente essenziale.

STOP ALLO SHOPPING PER NOIA

Nel mio caso è stato facile capire che sprecavo il mio stipendio; compravo ogni genere di capo di abbigliamento o accessorio che non necessitavo, infatti avevo armadi prossimi all’esplosione, ma l’umore nero non scompariva.

Ecco la rivelazione: il mio benessere emotivo non coincide con quello economico. Da quel momento in poi ho dovuto trovare il modo di vivere meglio, trasformando le mie passioni in lavoro, anche se meno retribuito.

OGNUNO HA LA SUA MAPPA DEL TESORO

Nel mio libro “Non mollare, cambia!” racconto il mio percorso e gli strumenti che mi hanno permesso di realizzarlo: non si può copiare perché ognuno è un universo, con diversi valori, necessità, aspettative e convinzioni, ma, facendo gli esercizi che riepilogano ogni capitolo, si inizia inevitabilmente il  proprio straordinario processo di cambiamento!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *