Mio marito ed io non volevamo utilizzare tutti i nostri risparmi; giochiamo spesso a Monopoli e conosciamo bene quanto può essere determinante la carta imprevisti

COME HO RISTRUTTURATO LA CASA A FUERTEVENTURA

Una volta perfezionate le procedure di acquisto dell’appartamento, è iniziata la fase di ristrutturazione.

Mio marito ed io non volevamo utilizzare tutti i nostri risparmi; giochiamo spesso a Monopoli e conosciamo bene quanto può essere determinante la carta imprevisti.

Nonostante l’appartamento necessitasse nuovi impianti elettrico e idraulico, nuovi pavimenti e pareti non ci siamo spaventati, anche perché mio marito è un vero asso del fai da te, con esperienza nel settore dell’arredamento.

Questo ci ha permesso di effettuare da soli ed in economia molti dei necessari interventi.

 

RICHIEDI IL PERMESSO E RISPETTA IL SILENZIO NEGLI ORARI DELLA SIESTA 

Per prima cosa occorre andare dall’amministratore del condominio (Presidente de la Comunidad de Vecinos), presentarsi e informarlo dell’inizio imminente delle opere.

Non occorrono permessi speciali se non si cambia la disposizione dell’alloggio, non si richiedono ampliamenti o non si effettuano modifiche strutturali.

E’ comunque buona norma recarsi al competente ufficio dell’Ajuntamiento prima di iniziare qualunque opera per ottenere informazioni precise sulle eventuali incombenze amministrative.

Più complicato è adattare gli orari di lavoro alle esigenze dei vicini; nel nostro caso mio marito effettuava le opere quando aveva tempo libero dal proprio lavoro, quindi alla sera e nei fine settimana. Per questo motivo certi lavori rumorosi hanno subito ritardi olimpici: quando mio marito era disponibile, l’orario della siesta gli impediva di lavorare!

Come sempre il buon senso e l’educazione aiutano a superare ogni ostacolo: sia i nostri vicini che noi abbiamo saputo trovare la maniera di conciliare le rispettive esigenze!

 

DIFFICILE TROVARE FORNITORI GIUSTI ED ECONOMICI 

Anche in questo caso la conoscenza delle persone e del territorio è stata determinante: ci ha permesso di avvalerci della collaborazione di stimati artigiani del luogo, i quali ci hanno aiutato a svolgere i pochi specifici lavori che mio marito non è in grado di fare da solo.

Grazie alla nostra amicizia con brave persone che risiedono qui da molti anni abbiamo potuto acquistare le merci nei magazzini più onesti e forniti dell’isola, semisconosciuti ai turisti o agli “ultimi arrivati”.

 

LAVORI FAI DA TE? SPENDI PIÙ TEMPO CHE DENARO

Nonostante queste conoscenze, ci sono voluti oltre tre mesi per terminare i lavori.

Tre mesi senza aver un fine di settimana libero: abbiamo passato ogni sabato e domenica “rinchiusi” a lavorare, immersi nella polvere, nei detriti e nella segatura, respirando l’odore forte dei solventi, delle pitture e della resina (che abbiamo usato in gran parte della casa).

Non si contano i viaggi a vuoto, le ore perse nell’andare e venire per cambiare materiale, nell’aspettare invano consegne.

Non si contano i pasti consumati fugacemente in mezzo ai detriti, né quelli saltati a piè pari per non perdere neanche un minuto di tempo.

Non si contano neppure i momenti di delusione quando spesso qualcosa andava storto. 

 

TANTO SACRIFICIO QUANTA SODDISFAZIONE

Tre mesi pesanti, impegnativi e davvero lunghi. Ma ne è valsa la pena.

Mio marito è dotato di un grande talento, ed è un vero “precisino”: se tutto non è perfettamente “in bolla” si smonta e si ricomincia da capo.

Di contro io sono la tipica incompetente in questo ambito, e per giunta impaziente.

Per me tutto si può fare “di corsa, e come viene viene”; per mio marito tutto si deve fare “bene”.

Immaginate due mondi opposti.

Eppure questa esperienza così lunga, faticosa e sfiancante ci ha uniti ancora di più quando finalmente abbiamo iniziato a constatare i risultati dei nostri sforzi.

 

CONTEMPLARE IL NOSTRO PICCOLO CAPOLAVORO NON HA PREZZO

Poche cose nella vita mi hanno dato la stessa soddisfazione che ho provato quando abbiamo finito il nostro appartamentino.

Osservare i tanti particolari curati all’inverosimile, i dettagli che con tanta fatica quanto amore abbiamo scelto, mi riempie il cuore come mai in passato mi aveva inorgoglito un qualunque successo lavorativo.

Auguro a tutti di provare una soddisfazione così grande come quella che provo contemplando il frutto del nostro duro lavoro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *