22settembre

NOVITA' DA FUERTEVENTURA!

il mio libro finalmente pubblicato in Spagna


22settembre

ISOLA DI LOBOS: UN PARADISO DA PROTEGGERE

Mi domando se il cervello tanto sofisticato dell’uomo riuscira’ a trovare la maniera di godere di Lobos, senza tentare in ogni modo di distruggerla


13settembre

IL PERICOLOSO PIACERE DI VOLER AVERE SEMPRE RAGIONE

Tra l'avere ragione e l'essere felice, scelgo di essere felice.


10settembre

GENOVA, GENEROSA E PERICOLOSA QUANDO PIOVE

Ma quando piove, Genova sa anche fare #paura, e chi la conosce lo sa bene.


04settembre

MANIFESTO DEL MIO AMORE PER #GENOVA

Amo questa citta’ e la sua gente, e ne porto un pezzo dentro di me ovunque io vada

La mia citta’ esercita su di me un fascino potente.

Vivo lontana da #zena da molti anni, eppure lei continua a stregarmi, ad ammaliarmi ogni volta che torno a farle visita.

Amo i suoi colori, le sue contraddizioni, la sua superbia, l’ostentato sfarzo di #viagaribaldi contrapposto alla perversione visibile a solo pochi metri, e ormai iconizzata, di #viadellaMaddalena.

Dai suoi punti panoramici si apprezza la tenacia, e solo si puo’ intuire la fatica di chi ha costruito questa citta’, rubando faticosamente e testardamente al mare metri quadrati dove edificare, non sempre con criterio.

Le sue strade ripide, cosiddette “creuze”, che impongono a chi deve percorrerle ogni giorno di mantenersi in forma.

Il mare, omnipresente nella vita dei genovesi: anche chi non lo vede dalla finestra o non deve per forza costeggiarlo per andare al lavoro, e’ comunque obbligato a respirarne l’odore, a sentirselo addosso - perche’ s’impregna sui panni stesi - o a percepirne l’umida carezza sugli oggetti.

#FUGASSA, #PESTO, DIFFIDENZA CHE SI TRASFORMA IN LEALTA’

Amo la sua ritrosia, geneticamente tramandata ai sui abitanti: quella sorta di menefreghismo, di strafottenza, di avarizia, di cinismo palesati verso gli stranieri, ovvero i “furesti”; sentimenti e atteggiamenti che si trasformano in breve tempo in amicizia senza fine, lealta’ assoluta, capacita’ di compromettersi, generosita’ incalcolabili e senso dell’umorismo imbattibile nei confronti di chi sa come permeare la dura corazza di un genovese.

E come resistere alla sua cucina, nata da ingredienti poveri e leggeri, ma cosi’ saporita da sorprendere palati fini di tutto il mondo.

MUGUGNO E CORAGGIO

Chi e’ di Genova sa mugugnare, lamentarsi, “far cadere le cose dall’alto”; e sa riconoscere la ruffianaggine, mettersi alla prova, mollare tutto per sfidare mari e orizzonti sconosciuti e  scoprire nuovi mondi, e’ capace di rimboccarsi le mani, lavorare sodo senza perdere tempo, sopportare la fatica, dare peso alla vera amicizia, condividere gioie e intere fortune con chi se lo merita.

Ora che la osservo da lontano, Genova mi sembra sempre piu’ bella, anche se via via piu’ decadente, non sempre generosa verso i suoi abitanti e nei confronti dei suoi tanti figli sparsi per il mondo.

#ZENEIZE INSIDE

Amo questa citta’ e la sua gente in modo assoluto, e ne porto un pezzo dentro di me ovunque io vada: riconosco molte sue caratteristiche in me, e questo mi piace, mi rende profondamente orgogliosa di essere genovese.

 

 

09agosto

Buone vacanze!

meno scatti sul telefono e più' ricordi stampati nella mente!

Ciao a tutti da Fuerteventura, dove abbiamo giornate soleggiate e vento moderato.

Mai come quest’anno siamo stati (e siamo) sotto assalto da vacanzieri, soprattutto italiani.

Viene da chiedersi se in Italia sia rimasto qualcuno da quanto le spiagge siano affollate, e strade e negozi pieni di gente.

Sulle dune di sabbia, sulla battigia o ovunque esista un meraviglioso scorcio offerto della natura (cosa assai facile qui a Fuerteventura) quasi tutti hanno il cellulare (dotato di palo da selfie), macchina fotografica o telecamerina in mano e iniziano a filmarsi, o fotografarsi.

E credo poi subito dopo si “postino” sulle reti sociali.

Alcuni mi ricordano me qualche anno fa.

Viaggiavo solo a 5 stelle, preoccupandomi piu’ di fare foto da mandare agli amici per suscitarne l’invidia, che di godermi tramonti o paesaggi straordinari.

Ora viaggio di rado, e ho scoperto che sono felice anche in stanze in affitto decisamente spartane, prenotate con largo anticipo.

Faccio molte meno foto ora, e mi guardo piu’ intorno, fissando nei miei occhi e nel mio cervello la meraviglia che mi circonda.

Ho capito che non é necessario prendere un aereo ogni weekend per imparare a stupirsi di nuovo, a guardare con gli occhi di un bambino ogni inedito paesaggio, o nuova esperienza…o magari il paesaggio di sempre, e la solita routine.

Mi accorgo ogni giorno di piu’ che basta poco per vivere meglio, che “Un uomo e’ ricco in proporzione al numero di cose di cui puo’ fare a meno” (henry david thoreau).

Le spiagge di Fuerteventura non mi stancano, sono sempre bellissime, anche se ora decisamente poco deserte.

Da qui vi saluto, e auguro a ognuno di voi una vacanza migliore di come la sogna, piena di ricordi felici, fissati nella vostra mente per sempre.


21luglio

I miracoli dell' #aloe

Il migliore dei souvenir, il ricordo piu’ appropriato da portare a casa


23giugno

ABITUARSI ALLA CALMA

O si impara a rallentare a rispettare i ritmi di questo luogo e della sua gente, o meglio cambiare isola.